Neritina Pulligera (Black Helmet)

Neritina Pulligera (Black Helmet) Neritina Pulligera (Black Helmet) aquabase.it

Approfondimento Black Helmet

Classificazione e caratteristiche
C'è ancora un po' di confusione sulla classificazione di questa lumaca, il cui guscio assomiglia a un elmetto militare, da cui il nome più diffuso ed utilizzato per la sua commercializzazione: black helmet o military helmet snail.
A volte classificata come Filopaludina sp., altre come Neritina abalon o Neritina violacea. In realtà è sì un'appartenente della famiglia Neritidae, ma la specie è pulligera.
La confusione molto probabilmente è sorta per via della sua variante di colore in natura, infatti la Neritina pulligera ha la conchiglia generalmente marrone scuro con i margini sottostanti arancioni, ma per la commercializzazione si ricercano esemplari molto più scuri, spesso completamente neri.

Tra mito e realtà
La famiglia Neritidae prende il nome da Nerito, dio greco minore, unico figlio maschio di Nereo e Doride e fratello delle 50 Nereidi. Il mito racconta che Afrodite si innamorò di Nerito e voleva che stesse con lei nell'Olimpo. Nerito però rifiutò la sua offerta per rimanere in mare con la sua famiglia. Afrodite, allora, per vendicarsi lo tramutò in una conchiglia.

Distribuzione e ciclo vitale
In natura la troviamo distribuita in un areale davvero esteso: nord dell'Australia, in molte isole del Pacifico (Comore, Figi, Guam, Nuova Caledonia, Palau, Papua Nuova Guinea, Micronesia, Isole Salomone, Vanuatu), Indonesia (Bali, Irian Jaya, Jawa, Kalimantan, Molucche, Sulawesi, Sumatera), Malesia, Tailandia, Filippine, India (Isole Andamane, Nicobare), Mauritius, Rodrigues, Reunion, Seychelles, Kenya, Tanzania, Sud Africa, Mozambico, Madagascar, Okinawa e Borneo.
Molto probabilmente, il segreto del suo "successo geografico" è dato dal suo ciclo vitale, infatti, pur essendo un gasteropode di acqua dolce, il suo stadio larvale si sviluppa in acque salmastre e salate.
La larva, in genere, di tutti i gasteropodi acquatici è detta veliger ed è planctotrofica (ovvero si nutre di plancton). Essa possiede due strutture ciliate ai lati come a formare un paio di ali, che le permettono di nuotare attivamente nella colonna d'acqua, finché ad accrescimento completato non aderisce ad un substrato e metamorfosa in un individuo adulto.
Tutti gli appartenenti alla famiglia Neritidae presentano sessi distinti ed è persino possibile distinguerlo, ma solo se la femmina è stata fecondata almeno una volta. Potreste vedere addirittura le uova che si presentano come dei pois bianchi ben visibili sul dorso della madre o, dato che esse deteriorano velocemente in acqua dolce, potreste vedere dei cerchietti bianchi che indicano il luogo al quale erano adese.

In acquario
Lumaca molto utile e ricercata in acquariofilia per la voracità con la quale attacca le alghe, anche le più difficili da rimuovere, ovvero le alghe nere a pennello (Audoinella violacea), senza danneggiare minimamente le piante.
La Neritina pulligera può essere ospitata in tutti i tipi di acquario, con tutti i tipi di pesci ma preferibilmente in acque dure: acque sufficientemente ricche di minerali per la costruzione del guscio, per lo più calcareo. Evitare, per quasi tutti i gasteropodi acque acide in quanto hanno un effetto erosivo sulla conchiglia.
La Neritina pulligera resiste addirittura agli attacchi di altri organismi noti come "mangia-lumache" come Botia o la stessa lumaca killer, Anentome helena. Questo è possibile perchè la pulligera tiene piede e mantello (le sue parti carnose) ben nascosti sotto la conchiglia, lasciando intravedere solo le antenne.
Non provate la convivenza con i pesci palla d'acqua dolce perchè non avrà il medesimo successo, in quanto tali pesci sono capaci di rompere anche le conchiglie più dure.

Informazioni aggiuntive

  • Nome scientifico Neritina pulligera (Linnaeus 1767)
  • Nome comune Black Helmet
  • Famiglia Neritidae
  • Provenienza Si pensa che sia endemica australiana, ma attualmente è diffusa praticamente su tutte le coste toccate dal Pacifico.
  • Dimensioni Conchiglia 20-25 mm.
  • Temperatura 18°C-30°C
  • Habitat Preferisce fiumi e torrenti veloci con presenza di substrato roccioso.
  • Alimentazione La larva planctonica si nutre di fitoplancton, l'adulto si nutre di alghe e non disdegna verdure bollite e pasticche affondanti (in acquario).
  • Compatibilità È compatibile con quasi tutti gli altri ospiti, anche con mangiatori di lumache, finché è con la conchiglia rivolta dal lato giusto. Non ospitare con Tetraodontidae (pesci palla).
  • Dimorfismo sessuale Presenta sessi distinti. La femmina è riconoscibile solo se è stata fecondata almeno una volta.
Letto 8498 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti

Il sito aquabase.it utilizza cookie tecnici necessari al suo corretto funzionamento, e cookie di terze parti utili alle finalità specificate nella Privacy Policy

Cliccando su OK o proseguendo nella navigazione di questo sito acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie, anche in ordine alla loro disattivazione, consulta la Privacy Policy