Hyphessobrycon Eques

Hyphessobrycon eques, conosciuto anche come Tetra gioiello o Tetra di Serpa, appartiene alla famiglia Characidae. Di forma romboidale e colore rosso, più o meno intenso secondo la zona di provenienza, è dotato di  pinne ben sviluppate: la dorsale presenta una macchia nera con una leggera bordatura bianca, mentre la caudale, dal profilo marcatamente bilobato, può presentare un contorno nero. Dietro la dorsale è presente una piccola pinna adiposa. Caratteristica è la piccola macchietta nera dietro le branchie.

Informazioni aggiuntive

  • Nome scientifico Hyphessobrycon eques (Steindachner, 1882); sinonimi Chirodon eques  (Steindachner, 1882), Cheirodon eques (Steindachner, 1882), Tetragonopterus callistus (Boulenger, 1900), Hyphessobrycon callistus (Boulenger, 1900), Hemigrammus melasopterus  (Eigenmann & Kennedy, 1903), Hyphessobrycon serpae (Durbin, 1908)
  • Nome comune Tetra gioiello, Tetra di Serpa
  • Famiglia Characidae
  • Provenienza Sud America, bacino amazzonico, fiume Paraguay
  • Dimensioni 3-4 cm.
  • Temperatura 23°C–26°C
  • pH 6–7.5
  • Descrizione Di forma romboidale e colore rosso, più o meno intenso secondo la zona di provenienza, è dotato di pinne ben sviluppate: la dorsale presenta una macchia nera con una leggera bordatura bianca, mentre la caudale, dal profilo marcatamente bilobato, può presentare un contorno nero. Dietro la dorsale è presente una piccola pinna adiposa. Caratteristica è la piccola macchietta nera dietro le branchie.
  • Habitat Si trova sia in acque ferme che correnti del bacino fluviale, nei pressi di vegetazione marginale e radici sommerse.
  • Alimentazione In generale risulta onnivoro, si nutre anche di alghe ed accetta in acquario i mangimi tradizionali, che però è buona norma alternare con cibo vivo o congelato.
  • Comportamento Gregario, ma un po’ aggressivo, mostra comportamenti violenti per ottenere il diritto di accoppiarsi con una femmina.
  • Dimorfismo sessuale Non risulta ben visibile ad occhio nudo, in genere il maschio ha le pinne dorsale ed anale più appuntite e la femmina ha ventre più tondeggiante.
  • Riproduzione La fecondazione delle uova avviene a seguito del rilascio simultaneo dei gameti. Le uova si adagiano sul fondo o sulla vegetazione e devono essere protette anche dai genitori che potrebbero cibarsene. La prole che ne scaturirà già dopo circa un giorno non sarà soggetta a cure parentali. Dopo pochi giorni, esaurito il sacco vitellino, i piccoli in acquario dovranno essere alimentati con naupli di artemia e mangimi specifici.
  • Allevamento in acquario Necessita di essere allevato in gruppi di almeno 10 individui, in vasche di almeno 50 litri netti. Il fondo dovrebbe essere scuro e sabbioso con vegetazione, anche galleggiante, legni e radici ed illuminazione non eccessiva. Il muschio è indicato per favorire la protezione delle uova dopo un evento riproduttivo. Può essere inserito in acquario con altri caracidi e ciprinidi delle stesse dimensioni, possibilmente non troppo delicati.
Letto 1947 volte
Altro in questa categoria: Hyphessobrycon bentosi ornatus »
Devi effettuare il login per inviare commenti

Il sito aquabase.it utilizza cookie tecnici necessari al suo corretto funzionamento, e cookie di terze parti utili alle finalità specificate nella Privacy Policy

Cliccando su OK o proseguendo nella navigazione di questo sito acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie, anche in ordine alla loro disattivazione, consulta la Privacy Policy